Archivi tag: sandro bocci

…Meanwhile…

Meanwhile in a world far, far away …

This is a short film created during the “Porgrave” shooting, the latest film by Sandro Bocci, that will be released in late 2015. …Meanwhile… shows the world of marine animals like corals and starfish at high magnification and during long time span through the timelapse. The music almost alien and disturbing has been joined to the images that stimulate mental associations to create a contrast, stimulate synesthesia and feelings do not necessarily harmonics and assonant.

This is an infinitesimal part of the wonderful world in which we live and of which we should take better care. A trip through a different perspective that would encourage reflection on the consequences of our actions on each scale of space and time.

Enjoy the vision…

Images and editing: Sandro Bocci

Original Music: Maurizio Morganti

Featured: Protoreaster linckii, Scolymia , Fungia, Trachyphyllia, Symphyllia, Euphyllia divisa wilde, Zoas mix, Alien eye zoas, Tridacna maxima.

A special thank’s to:
Nicola Musacchio, 
Mario Fagioli, Julia Set Collection.

If you want to contribute to the production or distribution of "Porgrave" you can contact us here: juliasetcollection@gmail.com

…Meanwhile… è un cortometraggio sperimentale che mostra il mondo di alcuni animali marini tropicali come coralli e stelle marine ad alto ingrandimento ed attraverso lassi di tempo condensati. Il cortometraggio vorrebbe stimolare una riflessione sulle conseguenze delle nostre azioni su altre scale spazio-temporali mostrando le meraviglie nascoste e spesso impercettibili ad occhio nudo attraverso l’utilizzo di tecniche come il timelapse ed alti ingrandimenti ottici. La musica quasi aliena e disturbante è stata affiancata alle immagini che stimolano associazioni mentali per creare un contrasto, stimolare sinestesie e sensazioni non necessariamente armoniche ed assonanti.

Buona visione…

SOTTOSOPRA

GALLERY (FRAMES FROM THE TEASER) 

Porgrave

Porgrave Teaser 1

Porgrave by: Sandro Bocci

“Si è sempre immaginato, con troppa disinvoltura, che non esistesse coesione tra gli individui, che la razza umana non fosse una totalità provvista di qualcosa che, sia pure in forma estremamente tenue, equivalesse a una specie di flusso sanguigno e nervoso in grado di propagarsi da uomo a uomo. Certo, esistono altri modi per spiegare perché miliardi di persone possano agire, pensare e sentire nello stesso modo, dato uno stimolo dominante, ma nel corso dei secoli i filosofi slan hanno considerato la possibilità che una simile affinità psicologica sia dovuta ad una straordinaria unità fisica e mentale.


Tutti i tentativi fatti per riportare a galla la verità sono stati sommersi da un’incredibile ondata di isteria di massa…
Quello che è avvenuto è avvenuto semplicemente perché c’è stata una reazione naturale alle intollerabili tensioni che spingevano gli uomini alla follia; e il motivo è che né il corpo né la mente erano più in grado di far fronte alla civiltà moderna.”
Un’ondata biologica ha in un primo momento generato nascite anormali e poi, per semplice statistica, creato nel corso dei secoli la nuova perfezione. Uomini capaci di percepire il pensiero.

“Slan” 1940 Alfred E. van Vogt

Galleria “frames from movement”: